"Il mio viaggio a #Roma - 1894", di Emile Zola. "Quello che...

photo
Edizioni Intra Moenia
Postato su Facebook
Data venerdì 12 luglio 2019
Condivisioni 41
Piace a 212
Commenti 0
"Il mio viaggio a #Roma - 1894", di Emile Zola. "Quello che mi ha colpito sono tutte queste antichità ritrovate durante il Rinascimento, ammirate, deificate dall'arte, che circondano il papato, pare che vi si bagni. Hanno avuto un bel mettere foglie di fico sulle statue, queste raccontano il trionfo splendido della carne, il magnifico fiorire della vita, è Venere tutta intera, è Pan, è Giove onnipossente. La nudità reclama la propria onnipotenza sulla natura, sulla materia eterna. E il papa che passa ogni due giorni in mezzo a queste Veneri e a questi Apolli che lo guardano, con tutta la loro carne nuda..." In libreria e su https://bit.ly/2XIFy8N

Non solo libri...