Paolo Morelli legge: Animali non addomesticabili - I pudori di una giovane vongola napoletana

Pudori di una giovane vongola napoletana Chill’ che io proprio non riesco a capire, è chisto fatto strano degli spaghetti. Anzi nemmeno lo saccio a chi so ’sti spaghetti, né come sono fatti, però non sento dire altro che spaghetti cu le vongole, spaghetti cu le vongole, come sono bbuoni!, come stanno bene insieme!, si sposano meravigliosamente!, lo sento benissimo, perché nell’acqua i suoni si propagano meglio. Allora io me ne sto acquattata inta ’a sabbia, distintamente co’ la lingu’ e’ fore, quando sento tutte chist’ barche chiene chiene ’e gente in mutande, che parla e parla di quanto stanno bene insieme gli spaghetti e le vongole, è ’nu sfizio!, è ’na goduria!, so’ meglio pure de ’e cozze! E io questa cosa non la metto in dubbio, ’e cozze vuoi mettere… chill’ svergognate!… Ma possibile che io soltanto non ne sappia niente, io che sono la diretta interessata, e anche ben disposta e aggraziata direi, che se me li presentassero chist’ signure spaghetti non farei certo complimenti, certo non mi farei pregare per un’amicizia, e anche qualcosa di più se la fortuna vuole, e invece non saccio manco chi so’, e come so’ fatt’ chist’ spaghetti, che secondo loro dovrei conoscere, e anche starci così bene insieme, che non c’è paragone!, dicono loro, è ’nu paradiso orientale! Sono alti, lunghi, neri, bianchi, gialli? So’ simpatici, sanno cantà? Ma insomma, pe’ ’a Maronna, come so’ fatte? È un’ingiustizia e una maldicenza, quanto è vero che songo ’na vongola verace, chi dice che io sto così bene con gli spaghetti dovrebbe pensarci due volte, lo dico a tutto tondo, non si butta a mare l’onore di una vongola signurina a chisto modo. E poi, con nu poco ’e prezzemolo sento dire!… Ma con tutto il rispetto e prima di tutto, ma chi cazz’è ’sto prezzemmolo?, e lu peperoncino sento dire!, chi sarebbe costui? È ’nu straniero? è ’nu principe forse? è ’n attore int’a lo cinematografo? Ma certamente non si mette a repentaglio l’onorabilità di una signurina senza farle nemmeno sapere, lasciandola del tutto all’oscuro, sul fondo, mentre di lei si dicono tali sconcezze, prima fai bollire gli spaghetti, poi riscaldi le vongole con tale prezzemolo e talaltro peperoncino sento dire!, poi mescoli tutti insieme inta ’na padella come fosse ’nu canapè, come fosse ’n’orgia o ’nu baccanale, vergogna!
exormaedizioni
Postato su YouTube
Data mercoledì 26 giugno 2019
Visto da 48
Piace a 0
Non piace a 0