Cultura, scrive l'antropologo Remotti, ha la stessa radice...

photo
Edizioni la meridiana
Postato su Facebook
Data venerdì 23 agosto 2019
Condivisioni 5
Piace a 25
Commenti 1
Cultura, scrive l'antropologo Remotti, ha la stessa radice di colere: coltivare, aver cura. Di cosa? ‘Dell’umanità’, aggiunge Remotti. Di ogni singola persona cioè, dell’umanità che la distingue dalla bestialità e dell’umanità che ognuno rende possibile stando con gli altri. Il cambiamento, ogni cambiamento sociale, accade nella misura in cui ciascuno di noi si prende cura di sé e degli altri, e gli altri si prendono cura di lui. Per Bleger l’azione sul sistema è parallela all’azione sulle persone. Su questo binario doppio (istituzioni educative e operatori dell'educare) si muove la nostra proposta formativa che a partire da settembre vedrà protagonisti nostri autori, collaboratori, formatovi e personalità dell’impegno culturale, sociale, politico, educativo. Provate a leggere con questa chiave di lettura le nostre proposte formative di Macerata, Mestre-Venezia e Molfetta: tappe di una ricerca che mettendo a valore le esperienze si prende cura dei protagonisti dell’educare e con loro traccia la road mappa del cambiamento. Perchè 'ognuno sia il cambiamento che vuol vedere nel mondo'. E questo è Ghandi. A questo link il programma e le modalità di iscrizione ai nostro Convegni: https://www.edizionilameridiana.it/

Non solo libri...