Parliamoci chiaro: la lingua italiana non è solo bella e...

photo
il Saggiatore
Postato su Facebook
Data martedì 6 novembre 2018
Condivisioni 3
Piace a 41
Commenti 18
Parliamoci chiaro: la lingua italiana non è solo bella e giusta, e nemmeno elegante come ci piacerebbe credere. Anzi, è piena di bassezze che al "cuor gentil" accostano "un cul fattosi trombetta". Basti pensare a tutti i termini coniati per indicare i genitali femminili o maschili: da vergogne a fessa, da cetriolo a carota. Qual è il termine più assurdo che avete mai sentito o usato per designare le pudenda? Scrivetelo qui sotto. Il più divertente si porterà a casa il libello in oggetto (in libreria il 15 novembre) in cui Massimo Arcangeli indaga questa nostra lingua di poeti, eroi e folli gesticolatori. Avete tempo fino alle 18.00: Forza amici, è il momento di parlare come mangiamo. ------ aggiornamenti sul vincitore delle 18.17 Da 'flandina' a 'crescinmano', da 'bernarda' a 'lallera', da 'pisciamuro' a 'pasticciotto', giuro che questa è stata una delle camere di consiglio più difficili dei secoli appena trascorsi. Abbiamo però deciso di assegnare il premio "parla come mangi" a Daniele Giovannone e il suo 'mandrallatto', perché è così strambo che non abbiamo capito nemmeno se parla di 'fessa' o delle 'balle di Arnaldo'. Grazie a tutti. Siete molto divertenti. Vi vogliamo molto bene. http://bit.ly/Sciacquati_La_Bocca

Non solo libri...