Bruno Mondadori

Bruno Mondadori nel secondo dopoguerra avvia a Milano la Edizioni Scolastiche Mondadori, con proprietà e storia autonome da quelle del fratello Arnoldo. Dal 1946 al 1999 la casa editrice si è sviluppata con la guida prima di Bruno Mondadori, poi, alla sua morte, dei figli Riccardo e Roberta e infine con la presidenza di Roberta Mondadori, tramite l’amministratore delegato Roberto Gulli. Nel 2000 la casa editrice ha realizzato un’unione editoriale con la G.B. Paravia di Torino, dando vita a una nuova società, la Paravia Bruno Mondadori Editori (PBM Editori). Nel 2007 PBM Editori, con l’ingresso di Pearson come azionista di maggioranza, allarga le sue attività con il nome Pearson Paravia Bruno Mondadori, oggi Pearson Italia. Oggi Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori mantiene nell’ambito della casa editrice il suo ruolo di prestigioso marchio dell’editoria scolastica che indirizza le proprie attività alla scuola secondaria di primo e secondo grado, confermandosi fra gli editori leader soprattutto nei settori umanistici. Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori è nota ai docenti e si distingue per una forte attenzione all’innovazione culturale e didattica e alla qualità dei suoi prodotti editoriali.