Matrimonio e parentela

Postfazione di: Maurizio Bettini
A cura di: Giulio Guidorizzi
Tradotto da: Raul Montanari
Tipologia: Ebook
Protezione: Digital Watermark
Lingua: Italiano
Editore: Il Saggiatore
ISBN: 9788865767153
Disponibile dal:
Rating:

Quarta di Copertina

«Frazer prende lo spunto dall’episodio relativo alle nozze di Giacobbe. Giacobbe, secondo quanto racconta la Genesi, sposò in successione le sue due cugine Rachele e Lia che erano figlie di Labano, fratello di sua madre Sara. Ma, partito da Giacobbe, Frazer lo abbandona subito per avventurarsi nel mondo dei primitivi. Di qui l’avvio per uno dei contributi più originali dell’intera opera di Frazer, questa volta dedicata all’analisi dei meccanismi di una struttura fondamentale della società: il matrimonio.Noi europei ci troviamo dinnanzi a un problema che scavalca il nostro orizzonte mentale e ci costringe a scoprire quanto relativamente isolato sia il nostro sistema matrimoniale. Come nota nella sua postfazione Maurizio Bettini, “sposare la cugina” è uno di quegli elementi distintivi che marca con forza il confine tra il “noi” europeo e gli “altri”; la tradizione europea infatti, a partire dal mondo romano, interdì vigorosamente questo tipo di matrimonio, e successivamente la Chiesa si preoccupò di estendere ancora più ampiamente la barriera matrimoniale endogamica. “La cugina” scrive Bettini “è una donna troppo vicina perché ci si possa permettere di sposarla, ma non lo è abbastanza perché ci si possa impedire di amarla.”Non è un semplice caso di evoluzione della morale sessuale: Frazer avverte che il matrimonio endogamico ha a che fare con i meccanismi culturali profondi di società molto lontane dalla nostra; così il problema dell’endogamia viene da lui, correttamente, collocato sul piano della cultura, non su quello della natura. Il tabù dell’incesto è dunque, per Frazer, il prodotto di una struttura sociale, che determina come conseguenza secondaria la creazione di una barriera psicologica: “la proibizione opposta al rapporto sessuale tra cugini paralleli dev’essere stata in vigore per tanto tempo che rispettarla è divenuto una sorta di istinto”.»Giulio Guidorizzi

Non solo libri...