Giuseppe Culicchia

Giuseppe Culicchia (Torino, 1965) è uno spirito curioso, ma soprattutto è una tra le voci più brillanti della narrativa italiana. Ha esordito nel 1990, ancora studente, con cinque racconti pubblicati da Pier Vittorio Tondelli. Tra i suoi romanzi: Tutti giù per terra, Brucia la città e Venere in metrò, tradotti in tutto il mondo. Lui, a sua volta, ha tradotto Mark Twain, Francis Scott Fitzgerald e Bret Easton Ellis. A spasso con Anselmo è il suo primo libro con Gallucci.
  • 1
  • 2
  • 1
  • 2